BIO

Luigi Frappi, Ritratto di Artemio Giovagnoni

Artemio Giovagnoni nasce il 24 dicembre 1922 a Perugia dove frequenta l'Istituto d'Arte. Si diploma in Scultura all'Accademia di Belle Arti "Pietro Vannucci".

All'età di venti anni parte per la guerra in Jugoslavia, dove vive la difficile esperienza della prigionia; in memoria di quegli anni ha scritto il libro "Stoj".

Tornato a Perugia dapprima trova un posto come impiegato alle Poste, ma poi decide di dedicarsi all’insegnamento della scultura vincendo un concorso nel 1952. L’attività didattica durerà trent’anni divisa fra Istituto d’Arte, dove insegna decorazione plastica, e Accademia di Belle Arti, dove tiene la cattedra di Scultura in marmo.

In questi anni Giovagnoni, insieme all’insegnamento, pratica un’intensa attività artistico-espositiva.
Nel settore della scultura è da ricordare: il Paliotto in bronzo dell’Altare maggiore della basilica di S. Pietro a Perugia, realizzato dopo la vittoria di un concorso nazionale; il paliotto della chiesa del Gesù, le pale d’altare della chiesa di S. Donato, il crocifisso della chiesa di via dei Filosofi, il portale in bronzo del Duomo di San Lorenzo per il giubileo del 2000 e il portale della chiesa di San Raffaele Arcangelo,  tutte opere presenti a Perugia.

Del suo lavoro hanno parlato numerosi critici fra i quali: Vittorio Sgarbi, Antonio Carlo Ponti, Massimo Duranti, Franco Bozzi, Rita Cocco, Carlo Vittorio Bianchi, Domenico Coletti, Gustavo Cuccini, Virgilio Coletti, Bruno Dozzini, Ottorino Gurrieri, Gualterio Da Vià, Francesco Francescaglia, Luciano Lepri, Giorgio Fasan, Valerio Mariani, Giovanni Zavarella, Raffaele Malà, Duccio Travaglia.

Il Professor Giovagnoni muore a Corciano il 5 settembre del 2007 nella sua casa sul Colle della Trinità all'età di 84 anni.

 

 

 

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now